ArcheoMuseo 2.0

Museo Archeologico del Comune di Arona

Il guerriero Komevios

“Io sono Komevios, guerriero e capo villaggio. Nella mia comunità ho un ruolo di primo piano, proprio per la mia qualità di guerriero in grado di difendere il villaggio. Le armi di cui sono dotato sono la lancia, strumento da combattimento, ma anche da caccia, e lo scudo.

La lancia, che sono stato addestrato ad usare fin da bambino, nella forma che possiedo ora rappresenta un importante segno del mio prestigio, poiché è un oggetto bello, oltre che efficace: la sua superficie è decorata da un motivo a reticolo abilmente cesellato dal fabbro.

Il mio scudo invece è in legno, rinforzato nella parte centrale da un elemento in ferro, l’umbone, che permette di resistere agli assalti del nemico.

L’importanza di noi guerrieri nella mia tribù è evidente a tutti anche attraverso un luogo speciale in cui tributiamo onore ad un mio antenato, che si chiamava come me, Komevios, figlio di Kalatos, ricordato e raffigurato su una stele, posizionata con altre stele in un luogo speciale all’interno della necropoli del villaggio: quel luogo è un heroon, un luogo di culto dei nostri capostipite, considerati eroi fondatori dell’insediamento, che si sono resi benemeriti difendendo la nostra comunità.

 

1. Komevios

 

2. Il corredo di Komevios con vaso a trottola, punta di lancia e umbone di scudo nelle vetrine del Museo di Arona

2.

1.